Gestire le proprie energie è di fondamentale importanza per il proprio benessere e la produttività: ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo è la chiave dell’efficacia personale.

La pratica del Tai Chi allena a risparmiare ed anzi accumulare la forza, intesa come energia sia fisica che mentale.

Gli insegnamenti del Tai Chi vertono sull’utilizzo della forza necessaria, nè più nè meno, al momento giusto.
Che si tratti di difesa, attacco o contrattacco, bisogna attendere con calma e lucidità il momento favorevole all’azione; si tratta di un’attesa tutt’altro che passiva: con il giusto allenamento, individuato il momento propizio, si otterrà una risposta fulminea e ben calibrata per tornare immediatamente ad uno stato di omeostasi, ossia di calma ed equilibrio. In questo modo si evita lo spreco di preziosa energia e lo sfinimento che ne deriva.

Se trasponiamo questo atteggiamento dal combattimento alla vita quotidiana, sono chiari i vantaggi che possono derivare dall’applicazione di tale strategia: non si ricerca lo scontro, si tende sempre a raggiungere uno stato di equilibrio e valutare ogni situazione con tempestività e lucidità per far sì che volga in nostro favore.

 

 

BIBLIOGRAFIA:

Waysun Liao, “CH’I – Scoprire l’Energia Vitale con il Tai Chi”, Ubaldini Editore

Gudo Bozak, “Principi e Pratica del Tai Chi Chuan”, Ed. L’Età dell’Acquario

Flavio Daniele, “Le Tre Vie del Tao”, Ed. KeyBook

James Kou, “TAI CHI CHUAN – Armonia del Corpo e dello Spirito”, Ed. Luni

Leave a Reply